Osea 6

[1]    [2]    [3]    [4]    [5]    [6]    [7]    [8]    [9]    [10]    [11]    [12]    [13]    [14]   

OSEA 6:1 «Venite, ritorniamo al Signore: egli ci ha straziato ed egli ci guarirà. Egli ci ha percosso ed egli ci fascerà.

OSEA 6:2 Dopo due giorni ci ridarà la vita e il terzo ci farà rialzare e noi vivremo alla sua presenza.

OSEA 6:3 Affrettiamoci a conoscere il Signore, la sua venuta è sicura come l'aurora. Verrà a noi come la pioggia di autunno, come la pioggia di primavera, che feconda la terra».

OSEA 6:4 Che dovrò fare per te, Efraim, che dovrò fare per te, Giuda? Il vostro amore è come una nube del mattino, come la rugiada che all'alba svanisce.

OSEA 6:5 Per questo li ho colpiti per mezzo dei profeti, li ho uccisi con le parole della mia bocca e il mio giudizio sorge come la luce:

OSEA 6:6 poiche voglio l'amore e non il sacrificio, la conoscenza di Dio più degli olocausti.

OSEA 6:7 Ma essi come Adamo hanno violato l'alleanza, ecco dove mi hanno tradito.

OSEA 6:8 Gàlaad è una città di malfattori, macchiata di sangue.

OSEA 6:9 Come banditi in agguato una ciurma di sacerdoti assale sulla strada di Sichem, commette scelleratezze.

OSEA 6:10 Orribili cose ho visto in Betel; là si è prostituito Efraim, si è contaminato Israele.

OSEA 6:11 Anche a te, Giuda, io riserbo una mietitura, quando ristabilirò il mio popolo.