Daniele 14

[1]    [2]    [3]    [4]    [5]    [6]    [7]    [8]    [9]    [10]    [11]    [12]    [13]    [14]   

DANIELE 14:1 Il re Astiage si riunì ai suoi padri e gli succedette nel regno Ciro il Persiano.

DANIELE 14:2 Ora Daniele viveva accanto al re, ed era il più onorato di tutti gli amici del re.

DANIELE 14:3 I Babilonesi avevano un idolo chiamato Bel, al quale offrivano ogni giorno dodici sacchi di fior di farina, quaranta pecore e sei barili di vino.

DANIELE 14:4 Anche il re venerava questo idolo e andava ogni giorno ad adorarlo. Daniele però adorava il suo Dio e perciò il re gli disse: «Perche non adori Bel?».

DANIELE 14:5 Daniele rispose: «Io non adoro idoli fatti da mani d'uomo, ma soltanto il Dio vivo che ha fatto il cielo e la terra e che è signore di ogni essere vivente».

DANIELE 14:6 «Non credi tu - aggiunse il re - che Bel sia un dio vivo? Non vedi quanto beve e mangia ogni giorno?».

DANIELE 14:7 Rispose Daniele ridendo: «Non t'ingannare, o re: quell'idolo di dentro è d'argilla e di fuori è di bronzo e non ha mai mangiato ne bevuto».

DANIELE 14:8 Il re s'indignò e convocati i sacerdoti di Bel, disse loro: «Se voi non mi dite chi è che mangia tutto questo cibo, morirete; se invece mi proverete che è Bel che lo mangia, morirà Daniele, perche ha insultato Bel».

DANIELE 14:9 Daniele disse al re: «Sia fatto come tu hai detto». I sacerdoti di Bel erano settanta, senza contare le mogli e i figli.

DANIELE 14:10 Il re si recò insieme con Daniele al tempio di Bel

DANIELE 14:11 e i sacerdoti di Bel gli dissero: «Ecco, noi usciamo di qui e tu, re, disponi le vivande e mesci il vino temperato; poi chiudi la porta e sigillala con il tuo anello. Se domani mattina, venendo, tu riscontrerai che tutto non è stato mangiato da Bel, moriremo noi, altrimenti morirà Daniele che ci ha calunniati».

DANIELE 14:12 Essi però non se ne preoccuparono perche avevano praticato un passaggio segreto sotto la tavola per il quale passavano abitualmente e consumavano tutto.

DANIELE 14:13 Dopo che essi se ne furono andati, il re fece porre i cibi davanti a Bel:

DANIELE 14:14 Daniele ordinò ai servi del re di portare un po' di cenere e la sparsero su tutto il pavimento del tempio alla presenza soltanto del re; poi uscirono, chiusero la porta, la sigillarono con l'anello del re e se ne andarono.

DANIELE 14:15 I sacerdoti vennero di notte, secondo il loro consueto, con le mogli, i figli, e mangiarono e bevvero tutto.

DANIELE 14:16 Di buon mattino il re si alzò, come anche Daniele.

DANIELE 14:17 Il re domandò: «Sono intatti i sigilli, Daniele?». «Intatti, re» rispose.

DANIELE 14:18 Aperta la porta, il re guardò la tavola ed esclamò: «Tu sei grande, Bel, e nessun inganno è in te!».

DANIELE 14:19 Daniele sorrise e, trattenendo il re perche non entrasse, disse: «Guarda il pavimento ed esamina di chi sono quelle orme».

DANIELE 14:20 Il re disse: «Vedo orme d'uomini, di donne e di ragazzi!».

DANIELE 14:21 Acceso d'ira, fece arrestare i sacerdoti con le mogli e i figli; gli furono mostrate le porte segrete per le quali entravano a consumare quanto si trovava sulla tavola.

DANIELE 14:22 Quindi il re li fece mettere a morte, consegnò Bel in potere di Daniele che lo distrusse insieme con il tempio.

DANIELE 14:23 Vi era un gran drago e i Babilonesi lo veneravano.

DANIELE 14:24 Il re disse a Daniele: «Non potrai dire che questo non è un dio vivente; adoralo, dunque».

DANIELE 14:25 Daniele rispose: «Io adoro il Signore mio Dio, perche egli è il Dio vivente; se tu me lo permetti, o re, io, senza spada e senza bastone, ucciderò il drago».

DANIELE 14:26 Soggiunse il re: «Te lo permetto».

DANIELE 14:27 Daniele prese allora pece, grasso e peli e li fece cuocere insieme, poi ne preparò focacce e le gettò in bocca al drago che le inghiottì e scoppiò; quindi soggiunse: «Ecco che cosa adoravate!».

DANIELE 14:28 Quando i Babilonesi lo seppero, ne furono molto indignati e insorsero contro il re, dicendo: «Il re è diventato Giudeo: ha distrutto Bel, ha ucciso il drago, ha messo a morte i sacerdoti».

DANIELE 14:29 Andarono da lui dicendo: «Consegnaci Daniele, altrimenti uccidiamo te e la tua famiglia!».

DANIELE 14:30 Quando il re vide che lo assalivano con violenza, costretto dalla necessità consegnò loro Daniele.

DANIELE 14:31 Ed essi lo gettarono nella fossa dei leoni, dove rimase sei giorni.

DANIELE 14:32 Nella fossa vi erano sette leoni, ai quali venivano dati ogni giorno due cadaveri e due pecore: ma quella volta non fu dato loro niente perche divorassero Daniele.

DANIELE 14:33 Si trovava allora in Giudea il profeta Abacuc il quale aveva fatto una minestra e spezzettato il pane in un recipiente e andava a portarlo nel campo ai mietitori.

DANIELE 14:34 L'angelo del Signore gli disse: «Porta questo cibo a Daniele in Babilonia nella fossa dei leoni».

DANIELE 14:35 Ma Abacuc rispose: «Signore, Babilonia non l'ho mai vista e la fossa non la conosco».

DANIELE 14:36 Allora l'angelo del Signore lo prese per i capelli e con la velocità del vento lo trasportò in Babilonia e lo posò sull'orlo della fossa dei leoni.

DANIELE 14:37 Gridò Abacuc: «Daniele, Daniele, prendi il cibo che Dio ti ha mandato».

DANIELE 14:38 Daniele esclamò: «Dio, ti sei ricordato di me e non hai abbandonato coloro che ti amano».

DANIELE 14:39 Alzatosi, Daniele si mise a mangiare, mentre l'angelo di Dio riportava subito Abacuc nel luogo di prima.

DANIELE 14:40 Il settimo giorno il re andò per piangere Daniele e giunto alla fossa guardò e vide Daniele seduto.

DANIELE 14:41 Allora esclamò ad alta voce: «Grande tu sei, Signore Dio di Daniele, e non c'è altro dio all'infuori di te!».

DANIELE 14:42 Poi fece uscire Daniele dalla fossa e vi fece gettare coloro che volevano la sua rovina ed essi furono subito divorati sotto i suoi occhi.