Geremia 47

[1]    [2]    [3]    [4]    [5]    [6]    [7]    [8]    [9]    [10]    [11]    [12]    [13]    [14]    [15]    [16]    [17]    [18]    [19]    [20]    [21]    [22]    [23]    [24]    [25]    [26]    [27]    [28]    [29]    [30]    [31]    [32]    [33]    [34]    [35]    [36]    [37]    [38]    [39]    [40]    [41]    [42]    [43]    [44]    [45]    [46]    [47]    [48]    [49]    [50]    [51]    [52]   

GEREMIA 47:1 Parola del Signore che fu rivolta al profeta Geremia sui Filistei, prima che il faraone occupasse Gaza.

GEREMIA 47:2 Cosý dice il Signore: źEcco s'avanzano ondate dal settentrione diventano un torrente che straripa. Allagano la terra e ci˛ che Ŕ in essa, la cittÓ e i suoi abitanti. Gli uomini gridano, urlano tutti gli abitanti della terra.

GEREMIA 47:3 Allo scalpitar dei suoi possenti cavalli, al fragor dei suoi carri, al cigolio delle ruote, i padri non si voltano verso i figli, le loro mani sono senza forza

GEREMIA 47:4 perche Ŕ arrivato il giorno in cui saran distrutti tutti i Filistei e saranno abbattute Tiro e Sid˛ne, con tutti i loro ausiliari; il Signore infatti distrugge i Filistei, il resto dell'isola di Caftor.

GEREMIA 47:5 Fino a Gaza si son rasati per lutto, Ŕ distrutta Ascal˛na. Asd˛d, povero resto degli Anakiti, fino a quando ti farai incisioni?

GEREMIA 47:6 Ah! spada del Signore, quando dunque ti concederai riposo? Rientra nel fodero, riposati e stÓ calma.

GEREMIA 47:7 Come potrÓ riposare, poiche il Signore le ha ordinato di agire contro Ascal˛na e il lido del mare? LÓ egli l'ha destinata╗.