Cantico dei Cantici 3

[1]    [2]    [3]    [4]    [5]    [6]    [7]    [8]   

CANTICO DEI CANTICI 3:1 Sul mio letto, lungo la notte, ho cercato l'amato del mio cuore; l'ho cercato, ma non l'ho trovato.

CANTICO DEI CANTICI 3:2 «Mi alzerò e farò il giro della città; per le strade e per le piazze; voglio cercare l'amato del mio cuore». L'ho cercato, ma non l'ho trovato.

CANTICO DEI CANTICI 3:3 Mi hanno incontrato le guardie che fanno la ronda: «Avete visto l'amato del mio cuore?».

CANTICO DEI CANTICI 3:4 Da poco le avevo oltrepassate, quando trovai l'amato del mio cuore. Lo strinsi fortemente e non lo lascerò finche non l'abbia condotto in casa di mia madre, nella stanza della mia genitrice.

CANTICO DEI CANTICI 3:5 Io vi scongiuro, figlie di Gerusalemme, per le gazzelle e per le cerve dei campi: non destate, non scuotete dal sonno l'amata finche essa non lo voglia.

CANTICO DEI CANTICI 3:6 Che cos'è che sale dal deserto come una colonna di fumo, esalando profumo di mirra e d'incenso e d'ogni polvere aromatica?

CANTICO DEI CANTICI 3:7 Ecco, la lettiga di Salomone: sessanta prodi le stanno intorno, tra i più valorosi d'Israele.

CANTICO DEI CANTICI 3:8 Tutti sanno maneggiare la spada, sono esperti nella guerra; ognuno porta la spada al fianco contro i pericoli della notte.

CANTICO DEI CANTICI 3:9 Un baldacchino s'è fatto il re Salomone, con legno del Libano.

CANTICO DEI CANTICI 3:10 Le sue colonne le ha fatte d'argento, d'oro la sua spalliera; il suo seggio di porpora, il centro è un ricamo d'amore delle fanciulle di Gerusalemme.

CANTICO DEI CANTICI 3:11 Uscite figlie di Sion, guardate il re Salomone con la corona che gli pose sua madre, nel giorno delle sue nozze, nel giorno della gioia del suo cuore.