Ecclesiaste 4

[1]    [2]    [3]    [4]    [5]    [6]    [7]    [8]    [9]    [10]    [11]    [12]   

ECCLESIASTE 4:1 Ho poi considerato tutte le oppressioni che si commettono sotto il sole. Ecco il pianto degli oppressi che non hanno chi li consoli; da parte dei loro oppressori sta la violenza, mentre per essi non c'è chi li consoli.

ECCLESIASTE 4:2 Allora ho proclamato più felici i morti, ormai trapassati, dei viventi che sono ancora in vita;

ECCLESIASTE 4:3 ma ancor più felice degli uni e degli altri chi ancora non è e non ha visto le azioni malvagie che si commettono sotto il sole.

ECCLESIASTE 4:4 Ho osservato anche che ogni fatica e tutta l'abilità messe in un lavoro non sono che invidia dell'uno con l'altro. Anche questo è vanità e un inseguire il vento.

ECCLESIASTE 4:5 Lo stolto incrocia le braccia e divora la sua carne.

ECCLESIASTE 4:6 Meglio una manciata con riposo che due manciate con fatica.

ECCLESIASTE 4:7 Inoltre ho considerato un'altra vanità sotto il sole:

ECCLESIASTE 4:8 uno è solo, senza eredi, non ha un figlio, non un fratello. Eppure non smette mai di faticare, ne il suo occhio è sazio di ricchezza: «Per chi mi affatico e mi privo dei beni?». Anche questo è vanità e un cattivo affannarsi.

ECCLESIASTE 4:9 Meglio essere in due che uno solo, perche due hanno un miglior compenso nella fatica.

ECCLESIASTE 4:10 Infatti, se vengono a cadere, l'uno rialza l'altro. Guai invece a chi è solo: se cade, non ha nessuno che lo rialzi.

ECCLESIASTE 4:11 Inoltre, se due dormono insieme, si possono riscaldare; ma uno solo come fa a riscaldarsi?

ECCLESIASTE 4:12 Se uno aggredisce, in due gli possono resistere e una corda a tre capi non si rompe tanto presto.

ECCLESIASTE 4:13 Meglio un ragazzo povero ma accorto, che un re vecchio e stolto che non sa ascoltare i consigli.

ECCLESIASTE 4:14 Il ragazzo infatti può uscir di prigione ed esser proclamato re, anche se, mentre quegli regnava, è nato povero.

ECCLESIASTE 4:15 Ho visto tutti i viventi che si muovono sotto il sole, stare con quel ragazzo, il secondo, cioè l'usurpatore.

ECCLESIASTE 4:16 Era una folla immensa quella di cui egli era alla testa. Ma coloro che verranno dopo non avranno da rallegrarsi di lui. Anche questo è vanità e un inseguire il vento.

ECCLESIASTE 4:17 Bada ai tuoi passi, quando ti rechi alla casa di Dio. Avvicinarsi per ascoltare vale più del sacrificio offerto dagli stolti che non comprendono neppure di far male.