Ecclesiaste 2

[1]    [2]    [3]    [4]    [5]    [6]    [7]    [8]    [9]    [10]    [11]    [12]   

ECCLESIASTE 2:1 Io ho detto in cuor mio: «Vieni, dunque, ti voglio mettere alla prova con la gioia: Gusta il piacere!». Ma ecco anche questo è vanità.

ECCLESIASTE 2:2 Del riso ho detto: «Follia!» e della gioia: «A che giova?».

ECCLESIASTE 2:3 Ho voluto soddisfare il mio corpo con il vino, con la pretesa di dedicarmi con la mente alla sapienza e di darmi alla follia, finche non scoprissi che cosa convenga agli uomini compiere sotto il cielo, nei giorni contati della loro vita.

ECCLESIASTE 2:4 Ho intrapreso grandi opere, mi sono fabbricato case, mi sono piantato vigneti.

ECCLESIASTE 2:5 Mi sono fatto parchi e giardini e vi ho piantato alberi da frutto d'ogni specie;

ECCLESIASTE 2:6 mi sono fatto vasche, per irrigare con l'acqua le piantagioni.

ECCLESIASTE 2:7 Ho acquistato schiavi e schiave e altri ne ho avuti nati in casa e ho posseduto anche armenti e greggi in gran numero più di tutti i miei predecessori in Gerusalemme.

ECCLESIASTE 2:8 Ho accumulato anche argento e oro, ricchezze di re e di province; mi sono procurato cantori e cantatrici, insieme con le delizie dei figli dell'uomo.

ECCLESIASTE 2:9 Sono divenuto grande, più potente di tutti i miei predecessori in Gerusalemme, pur conservando la mia sapienza.

ECCLESIASTE 2:10 Non ho negato ai miei occhi nulla di ciò che bramavano, ne ho rifiutato alcuna soddisfazione al mio cuore, che godeva d'ogni mia fatica; questa è stata la ricompensa di tutte le mie fatiche.

ECCLESIASTE 2:11 Ho considerato tutte le opere fatte dalle mie mani e tutta la fatica che avevo durato a farle: ecco, tutto mi è apparso vanità e un inseguire il vento: non c'è alcun vantaggio sotto il sole.

ECCLESIASTE 2:12 Ho considerato poi la sapienza, la follia e la stoltezza. «Che farà il successore del re? Ciò che è gia stato fatto».

ECCLESIASTE 2:13 Mi sono accorto che il vantaggio della sapienza sulla stoltezza è il vantaggio della luce sulle tenebre:

ECCLESIASTE 2:14 Il saggio ha gli occhi in fronte, ma lo stolto cammina nel buio. Ma so anche che un'unica sorte è riservata a tutt'e due.

ECCLESIASTE 2:15 Allora ho pensato: «Anche a me toccherà la sorte dello stolto! Allora perche ho cercato d'esser saggio? Dov'è il vantaggio?». E ho concluso: «Anche questo è vanità».

ECCLESIASTE 2:16 Infatti, ne del saggio ne dello stolto resterà un ricordo duraturo e nei giorni futuri tutto sarà dimenticato. Allo stesso modo muoiono il saggio e lo stolto.

ECCLESIASTE 2:17 Ho preso in odio la vita, perche mi è sgradito quanto si fa sotto il sole. Ogni cosa infatti è vanità e un inseguire il vento.

ECCLESIASTE 2:18 Ho preso in odio ogni lavoro da me fatto sotto il sole, perche dovrò lasciarlo al mio successore.

ECCLESIASTE 2:19 E chi sa se questi sarà saggio o stolto? Eppure potrà disporre di tutto il mio lavoro, in cui ho speso fatiche e intelligenza sotto il sole. Anche questo è vanità!

ECCLESIASTE 2:20 Sono giunto al punto di disperare in cuor mio per tutta la fatica che avevo durato sotto il sole,

ECCLESIASTE 2:21 perche chi ha lavorato con sapienza, con scienza e con successo dovrà poi lasciare i suoi beni a un altro che non vi ha per nulla faticato. Anche questo è vanità e grande sventura.

ECCLESIASTE 2:22 Allora quale profitto c'è per l'uomo in tutta la sua fatica e in tutto l'affanno del suo cuore con cui si affatica sotto il sole?

ECCLESIASTE 2:23 Tutti i suoi giorni non sono che dolori e preoccupazioni penose; il suo cuore non riposa neppure di notte. Anche questo è vanità!

ECCLESIASTE 2:24 Non c'è di meglio per l'uomo che mangiare e bere e godersela nelle sue fatiche; ma mi sono accorto che anche questo viene dalle mani di Dio.

ECCLESIASTE 2:25 Difatti, chi può mangiare e godere senza di lui?

ECCLESIASTE 2:26 Egli concede a chi gli è gradito sapienza, scienza e gioia, mentre al peccatore dà la pena di raccogliere e d'ammassare per colui che è gradito a Dio. Ma anche questo è vanità e un inseguire il vento!