Numeri 13

[1]    [2]    [3]    [4]    [5]    [6]    [7]    [8]    [9]    [10]    [11]    [12]    [13]    [14]    [15]    [16]    [17]    [18]    [19]    [20]    [21]    [22]    [23]    [24]    [25]    [26]    [27]    [28]    [29]    [30]    [31]    [32]    [33]    [34]    [35]    [36]   

NUMERI 13:1 Il Signore disse a Mosč:

NUMERI 13:2 «Manda uomini a esplorare il paese di Canaan che sto per dare agli Israeliti. Mandate un uomo per ogni tribł dei loro padri; siano tutti dei loro capi».

NUMERI 13:3 Mosč li mandņ dal deserto di Paran, secondo il comando del Signore; quegli uomini erano tutti capi degli Israeliti.

NUMERI 13:4 Questi erano i loro nomi: per la tribł di Ruben, Sammua figlio di Zaccur;

NUMERI 13:5 per la tribł di Simeone, Safat figlio di Cori;

NUMERI 13:6 per la tribł di Giuda, Caleb figlio di Iefunne;

NUMERI 13:7 per la tribł di Issacar, Igheal figlio di Giuseppe; per la tribł di Efraim,

NUMERI 13:8 Osea figlio di Nun;

NUMERI 13:9 per la tribł di Beniamino, Palti figlio di Rafu;

NUMERI 13:10 per la tribł di Ząbulon, Gaddiel figlio di Sodi;

NUMERI 13:11 per la tribł di Giuseppe, cioč per la tribł di Manąsse, Gaddi figlio di Susi;

NUMERI 13:12 per la tribł di Dan, Ammiel figlio di Ghemalli;

NUMERI 13:13 per la tribł di Aser, Setur figlio di Michele;

NUMERI 13:14 per la tribł di Nčftali, Nacbi figlio di Vofsi;

NUMERI 13:15 per la tribł di Gad, Gheuel figlio di Machi.

NUMERI 13:16 Questi sono i nomi degli uomini che Mosč mandņ a esplorare il paese. Mosč diede ad Osea, figlio di Nun, il nome di Giosuč.

NUMERI 13:17 Mosč dunque li mandņ a esplorare il paese di Canaan e disse loro: «Salite attraverso il Negheb; poi salirete alla regione montana

NUMERI 13:18 e osserverete che paese sia, che popolo l'abiti, se forte o debole, se poco o molto numeroso;

NUMERI 13:19 come sia la regione che esso abita, se buona o cattiva, e come siano le cittą dove abita, se siano accampamenti o luoghi fortificati;

NUMERI 13:20 come sia il terreno, se fertile o sterile, se vi siano alberi o no. Siate coraggiosi e portate frutti del paese». Era il tempo in cui cominciava a maturare l'uva.

NUMERI 13:21 Quelli dunque salirono ed esplorarono il paese dal deserto di Sin, fino a Recob, in direzione di Amat.

NUMERI 13:22 Salirono attraverso il Negheb e andarono fino a Ebron, dove erano Achiman, Sesai e Talmai, figli di Anak. Ora Ebron era stata edificata sette anni prima di Tanis in Egitto.

NUMERI 13:23 Giunsero fino alla valle di Escol, dove tagliarono un tralcio con un grappolo d'uva, che portarono in due con una stanga, e presero anche melagrane e fichi.

NUMERI 13:24 Quel luogo fu chiamato valle di Escol a causa del grappolo d'uva che gli Israeliti vi tagliarono.

NUMERI 13:25 Alla fine di quaranta giorni tornarono dall'esplorazione del paese

NUMERI 13:26 e andarono a trovare Mosč e Aronne e tutta la comunitą degli Israeliti nel deserto di Paran, a Kades; riferirono ogni cosa a loro e a tutta la comunitą e mostrarono loro i frutti del paese.

NUMERI 13:27 Raccontarono: «Noi siamo arrivati nel paese dove tu ci avevi mandato ed č davvero un paese dove scorre latte e miele; ecco i suoi frutti.

NUMERI 13:28 Ma il popolo che abita il paese č potente, le cittą sono fortificate e immense e vi abbiamo anche visto i figli di Anak.

NUMERI 13:29 Gli Amaleciti abitano la regione del Negheb; gli Hittiti, i Gebusei e gli Amorrei le montagne; i Cananei abitano presso il mare e lungo la riva del Giordano».

NUMERI 13:30 Caleb calmņ il popolo che mormorava contro Mosč e disse: «Andiamo presto e conquistiamo il paese, perche certo possiamo riuscirvi».

NUMERI 13:31 Ma gli uomini che vi erano andati con lui dissero: «Noi non saremo capaci di andare contro questo popolo, perche č pił forte di noi».

NUMERI 13:32 Screditarono presso gli Israeliti il paese che avevano esplorato, dicendo: «Il paese che abbiamo attraversato per esplorarlo č un paese che divora i suoi abitanti; tutta la gente che vi abbiamo notata č gente di alta statura;

NUMERI 13:33 vi abbiamo visto i giganti, figli di Anak, della razza dei giganti, di fronte ai quali ci sembrava di essere come locuste e cosģ dovevamo sembrare a loro».