Genesi 8

[1]    [2]    [3]    [4]    [5]    [6]    [7]    [8]    [9]    [10]    [11]    [12]    [13]    [14]    [15]    [16]    [17]    [18]    [19]    [20]    [21]    [22]    [23]    [24]    [25]    [26]    [27]    [28]    [29]    [30]    [31]    [32]    [33]    [34]    [35]    [36]    [37]    [38]    [39]    [40]    [41]    [42]    [43]    [44]    [45]    [46]    [47]    [48]    [49]    [50]   

GENESI 8:1 Dio si ricordò di Noè, di tutte le fiere e di tutti gli animali domestici che erano con lui nell'arca. Dio fece passare un vento sulla terra e le acque si abbassarono.

GENESI 8:2 Le fonti dell'abisso e le cateratte del cielo furono chiuse e fu trattenuta la pioggia dal cielo;

GENESI 8:3 le acque andarono via via ritirandosi dalla terra e calarono dopo centocinquanta giorni.

GENESI 8:4 Nel settimo mese, il diciassette del mese, l'arca si posò sui monti dell'Ararat.

GENESI 8:5 Le acque andarono via via diminuendo fino al decimo mese. Nel decimo mese, il primo giorno del mese, apparvero le cime dei monti.

GENESI 8:6 Trascorsi quaranta giorni, Noè aprì la finestra che aveva fatta nell'arca e fece uscire un corvo per vedere se le acque si fossero ritirate.

GENESI 8:7 Esso uscì andando e tornando finche si prosciugarono le acque sulla terra.

GENESI 8:8 Noè poi fece uscire una colomba, per vedere se le acque si fossero ritirate dal suolo;

GENESI 8:9 ma la colomba, non trovando dove posare la pianta del piede, tornò a lui nell'arca, perche c'era ancora l'acqua su tutta la terra. Egli stese la mano, la prese e la fece rientrare presso di se nell'arca.

GENESI 8:10 Attese altri sette giorni e di nuovo fece uscire la colomba dall'arca

GENESI 8:11 e la colomba tornò a lui sul far della sera; ecco, essa aveva nel becco un ramoscello di ulivo. Noè comprese che le acque si erano ritirate dalla terra.

GENESI 8:12 Aspettò altri sette giorni, poi lasciò andare la colomba; essa non tornò più da lui.

GENESI 8:13 L'anno seicentouno della vita di Noè, il primo mese, il primo giorno del mese, le acque si erano prosciugate sulla terra; Noè tolse la copertura dell'arca ed ecco la superficie del suolo era asciutta.

GENESI 8:14 Nel secondo mese, il ventisette del mese, tutta la terra fu asciutta.

GENESI 8:15 Dio ordinò a Noè:

GENESI 8:16 «Esci dall'arca tu e tua moglie, i tuoi figli e le mogli dei tuoi figli con te.

GENESI 8:17 Tutti gli animali d'ogni specie che hai con te, uccelli, bestiame e tutti i rettili che strisciano sulla terra, falli uscire con te, perche possano diffondersi sulla terra, siano fecondi e si moltiplichino su di essa».

GENESI 8:18 Noè uscì con i figli, la moglie e le mogli dei figli.

GENESI 8:19 Tutti i viventi e tutto il bestiame e tutti gli uccelli e tutti i rettili che strisciano sulla terra, secondo la loro specie, uscirono dall'arca.

GENESI 8:20 Allora Noè edificò un altare al Signore; prese ogni sorta di animali mondi e di uccelli mondi e offrì olocausti sull'altare.

GENESI 8:21 Il Signore ne odorò la soave fragranza e pensò: «Non maledirò più il suolo a causa dell'uomo, perche l'istinto del cuore umano è incline al male fin dalla adolescenza; ne colpirò più ogni essere vivente come ho fatto.

GENESI 8:22 Finche durerà la terra, seme e messe, freddo e caldo, estate e inverno, giorno e notte non cesseranno».