Genesi 4

[1]    [2]    [3]    [4]    [5]    [6]    [7]    [8]    [9]    [10]    [11]    [12]    [13]    [14]    [15]    [16]    [17]    [18]    [19]    [20]    [21]    [22]    [23]    [24]    [25]    [26]    [27]    [28]    [29]    [30]    [31]    [32]    [33]    [34]    [35]    [36]    [37]    [38]    [39]    [40]    [41]    [42]    [43]    [44]    [45]    [46]    [47]    [48]    [49]    [50]   

GENESI 4:1 Adamo si unì a Eva sua moglie, la quale concepì e partorì Caino e disse: «Ho acquistato un uomo dal Signore».

GENESI 4:2 Poi partorì ancora suo fratello Abele. Ora Abele era pastore di greggi e Caino lavoratore del suolo.

GENESI 4:3 Dopo un certo tempo, Caino offrì frutti del suolo in sacrificio al Signore;

GENESI 4:4 anche Abele offrì primogeniti del suo gregge e il loro grasso. Il Signore gradì Abele e la sua offerta,

GENESI 4:5 ma non gradì Caino e la sua offerta. Caino ne fu molto irritato e il suo volto era abbattuto.

GENESI 4:6 Il Signore disse allora a Caino: «Perche sei irritato e perche è abbattuto il tuo volto?

GENESI 4:7 Se agisci bene, non dovrai forse tenerlo alto? Ma se non agisci bene, il peccato è accovacciato alla tua porta; verso di te è il suo istinto, ma tu dòminalo».

GENESI 4:8 Caino disse al fratello Abele: «Andiamo in campagna!». Mentre erano in campagna, Caino alzò la mano contro il fratello Abele e lo uccise.

GENESI 4:9 Allora il Signore disse a Caino: «Dov'è Abele, tuo fratello?». Egli rispose: «Non lo so. Sono forse il guardiano di mio fratello?».

GENESI 4:10 Riprese: «Che hai fatto? La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo!

GENESI 4:11 Ora sii maledetto lungi da quel suolo che per opera della tua mano ha bevuto il sangue di tuo fratello.

GENESI 4:12 Quando lavorerai il suolo, esso non ti darà più i suoi prodotti: ramingo e fuggiasco sarai sulla terra».

GENESI 4:13 Disse Caino al Signore: «Troppo grande è la mia colpa per ottenere perdono?

GENESI 4:14 Ecco, tu mi scacci oggi da questo suolo e io mi dovrò nascondere lontano da te; io sarò ramingo e fuggiasco sulla terra e chiunque mi incontrerà mi potrà uccidere».

GENESI 4:15 Ma il Signore gli disse: «Però chiunque ucciderà Caino subirà la vendetta sette volte!». Il Signore impose a Caino un segno, perche non lo colpisse chiunque l'avesse incontrato.

GENESI 4:16 Caino si allontanò dal Signore e abitò nel paese di Nod, ad oriente di Eden.

GENESI 4:17 Ora Caino si unì alla moglie che concepì e partorì Enoch; poi divenne costruttore di una città, che chiamò Enoch, dal nome del figlio.

GENESI 4:18 A Enoch nacque Irad; Irad generò Mecuiaèl e Mecuiaèl generò Metusaèl e Metusaèl generò Lamech.

GENESI 4:19 Lamech si prese due mogli: una chiamata Ada e l'altra chiamata Zilla.

GENESI 4:20 Ada partorì Iabal: egli fu il padre di quanti abitano sotto le tende presso il bestiame.

GENESI 4:21 Il fratello di questi si chiamava Iubal: egli fu il padre di tutti i suonatori di cetra e di flauto.

GENESI 4:22 Zilla a sua volta partorì Tubalkàin, il fabbro, padre di quanti lavorano il rame e il ferro. La sorella di Tubalkàin fu Naama.

GENESI 4:23 Lamech disse alle mogli: mogli di Lamech, porgete l'orecchio al mio dire: Ho ucciso un uomo per una mia scalfittura e un ragazzo per un mio livido.

GENESI 4:24 Sette volte sarà vendicato Caino ma Lamech settantasette».

GENESI 4:25 Adamo si unì di nuovo alla moglie, che partorì un figlio e lo chiamò Set. «Perche - disse - Dio mi ha concesso un'altra discendenza al posto di Abele, poiche Caino l'ha ucciso».

GENESI 4:26 Anche a Set nacque un figlio, che egli chiamò Enos. Allora si cominciò ad invocare il nome del Signore.